Buonanotte piccolo afghano. Buonanotte papà

Buonanotte piccolo afghano. Buonanotte papà

Danilo LupoSono a letto ma non dormo. Mi rigiro e penso. A quel ragazzo afghano dagli occhi neri neri con cui ho preso il treno.
Ai nove minuti fra Como e Chiasso in cui ho ascoltato i suoi sette mesi di viaggio per arrivare in Italia, per poi passare in Svizzera, magari per lavorare in Germania.
E quando la polizia elvetica fermava i migranti per rispedirli indietro, l’ho visto trattenere il respiro. Uno, due, tre secondi. Quindi respirare libero, mentre passava inosservato.
E mentre lo salutavo sui gradini della stazione, ho visto ciò che era: un ragazzino raggiante che ce l’aveva appena fatta.
E ora sono qui che mi rigiro, pensando a un altro che aveva 17 anni ma occhi azzurri azzurri. A un ragazzino che alla stazione di Lecce prende un treno per emigrare in Germania.
Buonanotte piccolo afghano. Buonanotte papà.

Danilo Lupo

794 Visite totali, 2 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login