Emanuele Legittimo si dimette da presidente del comitato Pro Ferrari

Emanuele Legittimo si dimette da presidente del comitato Pro Ferrari

Emanuele LegittimoOggetto: DIMISSIONI Avv. LEGITTIMO DA PRESIDENTE DEL COMITATO

Egregio Sig. Sindaco,
il sottoscritto Avv. Rocco Emanuele Legittimo con la presente rassegna le proprie dimissioni da Presidente del Comitato Pro Ferrari e rimette nella Sua persona il ruolo a suo tempo unitariamente conferitomi da tutte le forze politiche, sindacali e sociali presenti sul territorio.
La decisione è maturata in seguito agli esiti della legittima iniziativa degli attivisti locali del Movimento 5 Stelle del 8 u.s. che lontano dallo spirito unitario del Comitato Pro Ferrari, si sono resi protagonisti di una proposta comunicativa per convincere il Presidente Emiliano a partecipare ad un incontro pubblico nella città.
Iniziativa in cui, entusiasta, ho comunque deciso di prendere parte, perché secondo quanto gli attivisti dichiaravano (circa 5000 cartoline sottoscritte) era rappresentativo di quell’interesse sempre attivo che il comitato nella sua interezza ha sempre curato. Per queste ragioni, nella ristrettezza dei tempi anche attraverso un video messaggio, mi son permesso di continuare a chiedere a tutti indistintamente la coesione sulla tematica che finora ci aveva contraddistinto. Gli esiti dello serata, purtroppo, oltre che ad evidenziare I’assenza del Presidente Emiliano, hanno fatto notare I’oggettiva assenza degli stessi sottoscrittori che avevano emesso I’invito e di tutte le altre forze politiche sindacali o comunque rappresentative del comparto sanitario cittadino. Tenuto conto anche della piovosità al momento dell’incontro che giustifica le assenze dei più, ed avvertendo che le iniziative politiche di un singolo movimento partitico ci riportano nuovamente in un clima di avversità e disinteresse per una battaglia comune di legalità che non dovrebbe mai calare nella partecipazione, sono qui a rimettere nelle sue mani la presidenza del Comitato Pro Ferrari. La esorto, nel suo ruolo istituzionale, a riprendere quel percorso caratterizzato dallo spirito unitario delle forze politiche, sindacali e sociali del territorio necessario per salvaguardare al meglio gli interessi della comunità del circondario casaranese.
Assicurando comunque, la mia totale continuità di impegno per la battaglia comune, le porgo cordiali saluti.

Avv. Rocco Emanuele Legittimo

15 Visite totali, 2 visite odierne

3 risposte a "Emanuele Legittimo si dimette da presidente del comitato Pro Ferrari"

  1. Roberto  10/09/2016 at 5:30 pm

    A me piu che una polemica verso l’iniziativa dei cinquestelle… mi sembra piu un giusto rimprovero a tutte le altri componenti del comitato che non si sono presentate non accogliendo l’invito di Legittimo, o peggio hanno deciso di estranearsi dalla battaglia solo perchè pare essere diventata in questa iniziativa, una cosa di partito e non piu come è stato per quattro anni un interesse di tutta la città, e poi un piccolo rimprovero credo che lo si legga anche ai cittadini che hanno disertato pur avendo fatto l’inivito…. scusa ma se Emiliano fosse venuto perchè invitato da 5000 persone e poi arriva e trova quattro gatti cosa avrebbe dovuto pensare o che le cartoline se l’ha firmate da solo qualcuno o che a Casarano abbiamo già una grande fiducia per i pochissimi attivisti del movimento che li deleghiamo con un mandato fatto di cartoline!!! Da premettere che io ero presente non sono dei 5 stelle ma avevo sottoscritto la cartolina ed imbucata a mie spese.

  2. Eirialo  10/09/2016 at 9:25 pm

    La maggior parte dei casaranesi ha vissuto di assistenzialismo e non ha mai tenuto all’ospedale che resta il frutto dell’impegno di un ristretto gruppo di illuminati fondatori. Nel corso degli anni cittadini e istituzioni non hanno saputo amministrate e tutelare questa ricchezza !
    Per questo amaramente possiamo concludere che il declassamento/chiusura del “F. Ferrari” è quello che ci meritiamo!!
    Questo vale pure per i cittadini e forze politiche del circondario, tanto bravi a sfilare e a parlare sul palco.

  3. eraldo  12/09/2016 at 11:20 pm

    Caro Emanuele il M5S ha condotto una battaglia comune per l’ospedale Ferrari insieme a tutte le altre forze politiche, come tu ben sai, ben consapevoli che il bene comune è patrimonio di tutti e non può essere oggetto di speculazioni politiche soprattutto in proiezione elettorale.Ciò alla quale ti riferisci coinvolge singoli individui che non hanno alcuna qualificazione morale, politica e culturale per dichiararsi attivisti del M5S non fosse altro che la nostra comunità non accetta arrampicatori sgominanti e candidati buoni per ogni stagione autoproclamandosi allo stesso tempo fedeli interpreti di principi e valori della quale poco o nulla conoscono.Ti rispondo da fondatore del meet-up Casarano 5 stelle ed iscritto dal 2010 quando il movimento aveva consensi da prefisso telefonico che riteneva di costruire intorno a principi e concetti trasparenti una comunità in grado di riprendersi le proprie sovranità garantite costituzionalmente.Chiaro che i nuovi ragazzi del 2013, che tu ritieni protagonisti nel m5s, cioè quelli che hanno capito dopo le ultime politiche il brand era quello giusto, hanno altri valori e principi, magari suggeriti da potentati, locali al fine di depotenziarne la portata rivoluzionaria in paesi come il nostro che ne ha urgente bisogno.Eravamo al tuo fianco ed al fianco di tutte le forze politiche quando la battaglia per il Ferrari era un fatto sociale e non ci siamo stati quando i sedicenti grillini hanno fatto passerelle per motivi elettorali senza aver avuto un riconoscimento pubblico tranne quello dei selfie e dei post a valanga su FB per la gioia dei compari vicini e lontani.Emanuele , la tua amarezza è comprensibile, riconoscendo che, seppur da avversari politici, hai lottato per tenere unite tutte le forze di Casarano in nome dell’interesse pubblico rappresentato dal Ferrari, molto meno di quelle mie e tanti altri cittadini che si devono difendere anche dagli amici dei forconi e cacciatori di rifiuti tossici interrati e reali solo per le povere casse pubbliche.

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login