Questione sicurezza: il sindaco chiama il prefetto e Giuranno dei 5 Stelle invoca maggiore partecipazione

Questione sicurezza: il sindaco chiama il prefetto e Giuranno dei 5 Stelle invoca maggiore partecipazione
Enrico Giuranno

Enrico Giuranno

Il sindaco Gianni Stefàno incontrerà nei prossimi giorni il prefetto, il quale, però, ha già confermato telefonicamente che intensificherà la presenza di agenti sul territorio.
L’escalation di atti criminosi degli ultimi giorni ha portato il tema della sicurezza al centro dell’attenzione ed è probabile che lo sarà anche nel corso della campagna elettorale in vista delle amministrative.
«Non è il caso di strumentalizzare la vicenda – ammonisce il primo cittadino – L’attenzione verso la sicurezza deve essere sempre alta e non solo durante la campagna elettorale. Le forze politiche che vivono il territorio dovrebbero sempre mantenere alta l’attenzione sul tema della sicurezza e non solo in campagna elettorale».
Chi ha le idee chiare su come fronteggiare il problema è il candidato sindaco del Meetup Casarano 5 Stelle, Enrico Giuranno.
«L’unica arma che possiamo brandire contro la criminalità – commenta Giuranno – è la partecipazione. Purtroppo Casarano si sta impoverendo. Se manca lavoro, la criminalità si fa strada. E quando la mafia investe, droga l’economia e, se droghi un’economia già precaria, stai creando il deserto. A Casarano la mafia c’è, ma c’è anche una grande zona grigia fatta di ossequi e compromessi. Il nostro movimento si scontra giornalmente con la paura dei cittadini che vengono a denunciare situazioni di illegalità, ma poi chiedono di restare anonimi. E questa è una cosa che fa male e ci fa sentire sconfitti. Noi non abbiamo paura a metterci la faccia, ma vogliamo farlo insieme».
Tra le proposte dei pentastellati, il potenziamento del sistema di videosorveglianza attivo sul territorio cittadino. Ma la vera soluzione, secondo i grillini, è la partecipazione, che i 5 Stelle pensano di poter incentivare attraverso l’istituzione di una serie di consulte.
«Questa mattina (ieri per chi legge ndr) – aggiunge Giuranno – si decideva della gestione dei rifiuti dell’Ambito e sappiamo quanti interessi muovano i rifiuti. Ad assistere c’erano i soliti 4-5 grillini. Se non ci svegliamo, le cose non potranno che peggiorare. Chi ha interesse a che le cose restino così o peggiorino sa quali sono gli strumenti per farsi sentire, ma se noi non ci facciamo sentire consegneremo la città nelle loro mani. La voglia di scappare è già una loro vittoria. Ecco perché lancio un appello affinché i casaranesi trovino il coraggio di restare qui e di dimostrare che un futuro migliore è possibile».

Di Alberto Nutricati
Dalla Gazzetta del Mezzogiorno del 28 ottobre 2016

 548 total views,  1 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login