Testimoni…

Testimoni…

Alberi in fiore di Paolo ArgnaniCaro Alberto,
sono appena stato a votare e… sorpresa! Nonostante fossi rimasto indeciso fino all’ultimo istante, davanti alla scheda mi sono sentito sereno, e ho manifestato il mio “tentativo ironico” di affrontare la realtà. Chissà se ho votato bene o male … non mi interessa più di tanto … almeno ci ho provato … a capirci qualche cosa! Del resto non ho la pretesa di salvare io l’Italia, né tanto meno il mondo…
Domenica scorsa, qua in Romagna abbiamo avuto finalmente un pomeriggio di sole ed io ne ho approfittato per sistemare alcune cose, prima che l’inverno prendesse definitivamente il comando sul mio cortile.
Avevo appena terminato di sistemare tavolo e sedie da giardino, quando un auto si è fermata nei pressi della cassetta della posta. “Mah… dovranno “imbuchettare” un po’ di pubblicità” mi sono detto. Invece dopo alcuni istanti di curiosa attesa ho visto scendere due signori distinti con in mano un borsello (o qualcosa del genere). Un giovanotto ed un uomo più avanti in età si sono diretti verso di me e mi hanno salutato con fare gentile. Io ho subito “mangiato la foglia” e li ho “battezzati” come i “Testimoni di Geova”, ma diversamente da come avevo già fatto in altre occasioni, non ho li ho stroncati subito con un “scusate, ma non mi interessa, ho altro da fare, vi saluto!”, ma:
– “Avete bisogno?”
– “Se ci può concedere due minuti, volevamo parlare di alcune domande importanti”
– “Tipo?”
– “Ad esempio… chi può salvare il mondo?”
– “Un momento! …ma chi siete voi?”
– “Vuole sapere chi siamo come persone o come associazione?”
– “Chi siete! Se voi sapete come si può salvare il mondo, dovete dire chi siete! Siete persone importanti!”
– “No! Non è che noi salviamo il mondo, ma possiamo indicare… ce li ha 3 minuti? Vorrei farle vedere questo filmato”
A questo punto il più anziano, l’unico che fino ad allora aveva dialogato con me, mi ha mostrato un tablet acceso, ma io l’ho interrotto subito:
– “Mi scusi, se lei conosce la strada per salvare il mondo, non posso accontentarmi di guardare un filmato, io ho lei qui davanti a me, adesso! Mi dica cosa significa per lei quel filmato, mi parli di lei.”
Questa provocazione non se l’aspettava! Ho continuato:
– “Di filmati, libri, ricette, ne posso trovare quanti ne voglio, ma credo che la cosa più interessante sia incontrare persone che di queste cose ne fanno esperienza!
– Ha ragione, infatti la Bibbia dice …
E qui il mio interlocutore è partito con citazioni che non ricordo, ma che lo hanno ringalluzzito e ha continuato:
– Vede, la Bibbia, in molti credono sia un libro vecchio e che non abbia più nulla da dirci, invece…
L’ho interrotto nuovamente:
– Infatti! Abbiamo bisogno di vedere che quelle non sono solo parole, ma descrizione di esperienze visibili oggi. Abbiamo bisogno di testimoni! Del resto voi non andate in giro per incontrare direttamente le persone? Abbiamo bisogno di incontrare testimoni credibili, che fanno esperienza di ciò che dicono, non audiolibri!
Così dicendo, ho mostrato loro l’intenzione di tornare al mio lavoro, prima che il frettoloso tramonto del mese di novembre, prendesse il sopravvento, e loro si sono congedati:
– Ha ragione! Magari un’altra volta … Comunque, complimenti è stato… è stato… comunque… grazie!
Caro Alberto, quel pomeriggio non ho cacciato a malo modo i due “testimoni”, forse solo perché ero ben disposto, visto che pochi istanti prima ero riuscito a mettere in moto il tosaerba che da settimane non funzionava! Ma così ho avuto modo di mettere alla prova il metodo più affascinante che abbia mai potuto conoscere: non denigrare le convinzioni altrui per avere più ragione, ma andare a fondo, fino a sfidare e mettere alla prova le ragioni che dici di avere, persino coi “testimoni di professione”.
Spero che per le prossime elezioni, i nostri politici, prima di iniziare la campagna elettorale, riescano anche loro a mettere in moto il loro tosaerba!
Ti abbraccio.

Paolo Argnani

 995 total views,  1 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login