Il commissario Grandaliano incontra i comuni dell’Aro: modifica del bando e nuova commissione di valutazione. Le precisazioni del sindaco Gianni Stefàno

Il commissario Grandaliano incontra i comuni dell’Aro: modifica del bando e nuova commissione di valutazione. Le precisazioni del sindaco Gianni Stefàno
Gianni Stefano

Gianni Stefàno

Si è tenuta ieri presso l’ufficio ambiente della Provincia di Lecce la riunione dei comuni dell’ARO LE/9 con il Commissario Grandaliano. I contenuti della suddetta riunione sono del tutto differenti rispetto alle notizie apparse sulla stampa di oggi. Rispetto alla sostituzione del Presidente della Commissione di Gara, in quanto anche responsabile unico del procedimento (RUP), il commissario facendo riferimento all’articolo 77 del nuovo codice dei contratti pubblici e a giurisprudenza consolidata ha confermato la legittimità della nomina dell’architetto Carrozzo e del resto della Commissione. La sostituzione del Presidente infatti è stata motivata dal Commissario da ragioni di opportunità. Quindi, si tratta di una opinione personale del Commissario che nulla ha a che vedere con la regolarità delle procedure fin qui seguite. Per la nomina della nuova commissione, il commissario ha invitato i Comuni presenti a dare comunicazione di eventuali disponibilità dei propri dipendenti che ne hanno i requisiti. Per inciso, procedura già seguita dal RUP dell’ARO nella nomina dell’attuale commissione di valutazione e per la quale sono giunte solo tre manifestazione di disponibilità. Per la nomina del nuovo Presidente della Commissione si dovrà chiedere la disponibilità tra i dipendenti della Provincia di Lecce o della Regione Puglia. Altro argomento della discussione è stato l’orientamento del Commissario Grandaliano di procedere alla modifica del bando di gara pubblicato. Modifica che si renderebbe necessaria per armonizzare lo stesso con le gare ponte dei Comuni di Miggiano e Montesano bandite dopo l’approvazione del Piano d’Ambito dell’Aro e non armonizzate con i contenuti dello stesso. Nella sostanza, per quanto ci è parso di capire, le iniziative del commissario porterebbero ad un notevole allungamento dei tempi per l’affidamento del servizio di Ambito.
Alcune riflessioni e alcune domande, a questo proposito, sono d’obbligo.
L’ARO LE/9 prima di essere commissariato aveva operato seguendo le prescrizioni stabilite dalla Regione e rispettando il crono programma previsto. Le procedure di gara senza il commissariamento sarebbero state completate entro il 31 maggio.
L’ARO LE/9 ha operato senza violazione di norme e senza inerzie, pertanto, riteniamo non ci fossero i presupposti per il commissariamento.
Quindi, stante la legittimità delle procedure seguite, riconosciute dal Commissario, ci viene naturale da chiederci: E’ risultato utile commissariare l’ARO? Risulta utile allungare ancora i tempi del procedimento? Risulta utile sostituire la commissione di gara nonostante la sua legittima nomina?
E ci sarebbe anche da chiedersi quale sono le finalità di chi fornisce notizie distorte alla stampa.

Casarano, 11.04.2017
Il Sindaco
Dott. Gianni Stefano

69 Visite totali, 3 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login