Movimento sul fronte “Ferrari”. L’ipotesi di un ospedale a due plessi, incassa il nullaosta dei tecnici

Movimento sul fronte “Ferrari”. L’ipotesi di un ospedale a due plessi, incassa il nullaosta dei tecnici

A seguito della proposta avanzata dai consiglieri comunali Gabriele Caputo e Attilio De Marco e del conseguente impegno assunto dal presidente della Regione Michele Emiliano di sottoporre alla valutazione del direttore del Dipartimento Salute dott.Giancarlo Ruscitti una modifica del regolamento regionale n.7/2017 di riordino della rete ospedaliera, è pervenuta, nei giorni scorsi, una proposta a firma del presidente della Regione che individua un unico presidio di 1° livello, organizzato sui due plessi Casarano – Gallipoli.
Nel valutare tale proposta come un importante passo avanti per l’ospedale di Casarano “Francesco Ferrari”, i consiglieri Attilio De Marco e Gabriele Caputo, supportati anche dal parere di alcuni medici dell’ospedale “Ferrari”, hanno chiesto ed ottenuto un appuntamento con il dott. Ruscitti che i consiglieri di Casarano hanno incontrato, ieri, a Bari, insieme allo staff che ha lavorato alla proposta di modifica del piano di riordino, grazie alla quale il nosocomio di Casarano conserva la classificazione di ospedale di 1° livello, al pari del “Sacro Cuore” di Gallipoli.
Nella sede dell’Assessorato di via G.Gentile sono state affrontate le tematiche relative agli aspetti socio-sanitari sottesi alle logiche che hanno portato al riordino della rete ospedaliera ed alla proposta valutata e voluta dal Presidente Emiliano e poi sostanzialmente accolta dai tecnici.
Nel corso dell’incontro si sono approfonditi aspetti di carattere funzionale/organizzativo che potrebbero portare ulteriori risultati per l’ospedale “Francesco Ferrari” sui quali il Direttore e lo staff hanno avviato un’ ulteriore verifica di fattibilità.
La proposta definitiva sarà sul tavolo del Presidente Emiliano nei prossimi giorni.

Attilio De Marco e Gabriele Caputo
Consiglieri PD

14 Visite totali, 2 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login