Che cielo questa sera…

Se sapessi cantare, canterei, se sapessi pregare pregherei, se non mi vergognassi m’inginocchierei…

Che cielo questa sera…

Caro Alberto,

Che cielo questa sera! Che bellezza, che grandezza! Se sapessi cantare, canterei, se sapessi pregare pregherei, se non mi vergognassi m’inginocchierei…

Chi sei Tu che mi regali queste cose, chi sei Tu che mi tieni al mondo e che mi hai voluto quando io non ci pensavo nemmeno, quando nessuno mi conosceva … tu già sapevi …  e mi hai voluto lo stesso! Io che non ho niente da darti, io che anche oggi non ho combinato niente di buono …

Cosa vedi Tu, che io non vedo? Forse ho solo smesso di guardare, di cercare, di far memoria? Chi sei Tu, che mi mostri tutto questo regalandomi pure la ferita della mia miseria? Non voglio perderti più, non voglio lasciarti più, voglio dipendere da Te … perché dipendo da Te.

Mi venite in mente tutti, mi “ripassate” da dento il mio cuore! Uno per uno, sani o malati, vivi o in cielo, felici o tristi, tutti mi venite in mente davanti a questo cielo! Vi vorrei qui con me, anche solo per un attimo, per vivere assieme questo cielo…voi che siete parte di questo Cielo!

Caro Alberto, guarda fuori … come mi piacerebbe che lo vedessi anche tu, che lo vedessero i miei figli, che lo vedessero i miei amici, i miei colleghi cafoni come me … che continuassi a vederlo anch’io.

Pioggia, gelo, grandine, tornado, poi un cielo così! Perché? Tu Anita, che ti senti stupida e impotente davanti ad una malata terminale, col volto deformato dal tumore e dalla fatica, tu che ti senti stanca e piccina davanti a suo padre arrabbiato, alla madre distrutta e al fratello in lotta … guarda fuori, guarda se vedi questo cielo!

Tu che assisti tua moglie in lotta da anni con la malattia, tu che ti senti solo, tu che non trovi il coraggio …

Che cielo questa sera!

Paolo Argnani

367 Visite totali, 0 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login