Interrogazione di Aldo Torsello sul bando per la gestione del parco linerae

"Si tenga debitamente conto dei diversamente abili"

Interrogazione di Aldo Torsello sul bando per la gestione del parco linerae

Ill.mo Sig. Sindaco, questa mia non è una vera e propria interrogazione, bensi’ un suggerimento, anzi due suggerimenti:

Il primo riguarda il bando per l’assegnazione in gestione a delle associazioni, credo sicuramente sportive, del parco lineare in contrada botte.

Credo sia auspicabile che l’utilizzo di tale struttura abbia un arco di tempo, il più ampio possibile.

In buona sostanza, sarebbe opportuno dividere la giornata in tre parti: quella del mattino, quella del pomeriggio e quella serale.

In conseguenza di ciò bisognerà avere attenzione a quelle fasce di popolazione che potrebbero fruirne maggiormente in ciascuna di queste tre parti.

La fascia pomeridiana, potrebbe essere utilizzata maggiormente dalla popolazione scolastica una volta terminate le ore di studio a scuola.

La fascia serale, dalla parte di popolazione impegnata nel mondo del lavoro una volta terminato il proprio impegno.

La fascia mattutina da quella parte di popolazione più anziana, magari quella già pensionata; non posso pensare a quella che andrà in pensione, perché grazie alla sapienza dell’ex ministra Fornero, in pensione magari non ci andrà piu’ nessuno e maggiormente noi piu’ giovani.

A parte la battuta di alleggerimento, mi piacerebbe pensare che proprio il mattino, potrebbe essere lo spazio di tempo in cui, a quella fascia di persone più deboli, quale può essere quella degli anziani, si andasse ad aggiungere quella delle persone diversamente abili e penso così ai tanti soggetti che operano in quel settore.

In ragione di ciò le proporrei sindaco, di prevedere nel redigendo bando, di coinvolgere o di far coinvolgere dall’Associazione sportiva che gestirà questa struttura, anche dei soggetti qualificati e magari riconosciuti da enti pubblici che già operano nel mondo della disabilità nella nostra città.

I nostri amici diversamente abili, avrebbero così la possibilità, non solo di godere della struttura in questione, ma magari di ritenersi utili ed artefici della sua cura e gestione.

Di conseguenza, le suggerisco che le richieste che perverranno all’amministrazione comunale per assegnazione del parco di contrada Botte, abbiano a corredo un progetto che tenga conto di quanto innanzi detto, ancorando e vincolando ciò alla successiva assegnazione della struttura in questione.

Il secondo suggerimento, che magari potrebbe essere sempre soddisfatto nel più ampio utilizzo del parco, è l’individuazione di un’area destinata alla sgambatura dei cani.

È sotto gli occhi di tutti e tanti nostri concittadini si lamentano, dell’incuria che molti proprietari di cani hanno nel portare il proprio amico a 4 zampe a passeggio nelle strade cittadine, molte delle quali sono diventate delle vere e proprie latrine a cielo aperto.

Sono a conoscenza di una prossima ed apposita ordinanza volta a limitare questo increscioso fenomeno.

Tuttavia, sarebbe opportuno che la nostra città, così come in tante forse piu’ evolute, venisse dotata di un’apposita area, dove come detto portare gli amici a quattro zampe a sgambare e magari anche a fare anche i loro bisogni, sotto la diretta custodia dei propri padroni.

Tale area potrebbe essere a mio parere individuata in uno spazio, ovviamente terroso o come detto nel parco summenzionato, o in una qualsiasi altra parte della città, a maggior ragione in previsione della prossima ordinanza repressiva, che credo a giorni verrà emanata.

Grazie.

Aldo Torsello
Consigliere comunale Verdi

1,973 Visite totali, 16 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login