Opposizione: “L’Amministrazione nel ‘mondo dei sogni’”

"Questa maggioranza dimostra ancora una volta la propria approssimazione e la scarsa incisività nell’approntare e risolvere i problemi di Casarano"

Nel consiglio del 4 aprile, con l’approvazione del D.U.P. (Documento Unico di Programmazione) e del Bilancio di Previsione Pluriennale (2018-2020) questa maggioranza ha dimostrato ancora una volta la propria approssimazione e la scarsa incisività nell’approntare e risolvere i problemi di Casarano.

Tra i punti cardine ritroviamo, infatti, il già noto aumento medio della tariffa TARI (tassa sui rifiuti) a discapito di famiglie ed operatori commerciali.

Inoltre, affermare che si è quasi fuori dal dissesto e quindi che i cittadini di Casarano potranno aspettarsi un “futuro migliore”, oltre ad essere a dir poco banale, rimane sostanzialmente irrispettoso per i casaranesi; tutti noi, infatti, dovremo pagare la prima rata per restituire il Finanziamento erogato dal Governo grazie al Fondo di Rotazione, pari ad oltre 4.400.000 euro in favore del Comune di Casarano che sono stati spesi in modo illegittimo da questi amministratori le cui scelte sono state censurate dalla Corte dei Conti; la rata annua ammonta ad €  230 mila che pagheremo fino al 2037 !

L’indignazione per tale scellerata gestione dei soldi pubblici, accanto al già trattato Piano delle valorizzazioni ed alienazioni immobiliari, che si sostanzia in una variante al Piano Regolatore Generale di cui forse fruirà una “cerchia ristretta” di imprenditori edili – scelta su cui avevamo già manifestato la nostra contrarietà – e la sbandierata fruibilità del verde pubblico che oggi appare fruibile alle pecore e non ai cittadini, pur trattandosi di un’opera appena completata come il “parco Lineare”, non fanno di certo apparire credibile questa amministrazione.

Abbiamo evidenziato come il Documento sia costellato di proclami vuoti, artificiosi o irrealizzabili, un vero e proprio libro dei sogni, che mai si potrà concretizzare, ma che ha una spiegazione: il D.U.P che finalmente lascia intravedere, grazie ad una imposizione normativa lo sforzo di questi amministratori di “pensare e Progettare” altro non è che una denuncia di tutto ciò che in sei anni non sono stati in grado di realizzare.

I Casaranesi si sono stancati delle scuse e dei proclami fatti da chi governa ormai da troppo tempo e, costretto dalla norma, si adopera per programmare azioni che i cittadini aspettano dal 2012.

Questa amministrazione continua ad essere disattenta verso la Città ed i suoi concittadini, sempre esclusi e mai coinvolti nelle scelte programmatiche per la città, preferendo rimanere chiusi ed arroccati nelle proprie convinzioni, spesso errate o inconcludenti.

Il nostro voto contrario è espressione del forte disappunto nei confronti di una pseudo azione amministrativa, nei confronti dello stile e dei metodi che sinora l’hanno contraddistinta, mentre rimane una mancanza di risposta ai reali problemi della città.

I consiglieri comunali

Umberto Totaro

Mauro Memmi

Attilio De Marco

Luigi Bartolomeo

1,549 Visite totali, 3 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login