Il sindaco scrive a Emiliano: si riapra il confronto sul “Ferrari”

Il sindaco si dice fiducioso nella possibilità di poter riprendere il ragionamento intrapreso con la stesura della bozza di protocollo per un ospedale di primo livello Casarano-Gallipoli

Il sindaco scrive a Emiliano: si riapra il confronto sul “Ferrari”

Dopo le esternazioni del Presidente Emiliano a Gallipoli in occasione della inaugurazione della Unità Farmaci Antiblastici, ho sentito l’esigenza di scrivergli una lettera, che ho inviato questa mattina, e della quale ritengo opportuno renderne pubblici i contenuti.

Egregio Presidente,

ho apprezzato le parole da Lei usate per chiedere scusa a Casarano, in occasione della inaugurazione della nuova Unità Farmaci Antiblastici a Gallipoli. Non capita di frequente sentire il Presidente della Regione esternare, con evidente partecipazione emotiva, frasi come quella riportata da tutti gli organi di informazione: Mi assumo le mie responsabilità, ogni scelta ha le sue conseguenze e approfitto di questo taglio del nastro per chiedere scusa pubblicamente a Casarano”. Dal mio punto di vista, questo Le rende merito rispetto al sacrificio che è stato chiesto in questi mesi ai cittadini e pazienti di un vasto territorio, com’è quello del comprensorio dell’Ospedale di Casarano.

Nel chiederLe scusa anch’io per le occasioni in cui i toni sono stati accesi e impulsivi, con la presente Le manifesto la disponibilità e fattiva collaborazione nella ricerca della soluzione ai problemi che hanno fatto interrompere, negli ultimi mesi dello scorso anno, quel percorso sul protocollo d’intesa.

Ripartire da quel protocollo, a mio avviso, anche alla luce dell’avvio dei lavori per la costruzione della quarta torre dell’Ospedale di Casarano, rappresenta l’unica vera risposta per razionalizzare i costi e fornire servizi sanitari di eccellenza ai cittadini e ai pazienti di tutta l’area ionica del basso Salento.

Per restare nel tema della inaugurazione del nuovo reparto presso l’Ospedale di Gallipoli, concordo sulla scelta di politica sanitaria orientata a creare reparti di eccellenza. Solo in questi, infatti, si può pretendere di avere le massime professionalità del settore e fornire ai pazienti servizi sanitari e prestazioni all’avanguardia e anch’esse di eccellenza.

Ho apprezzato, anche, la scelta di avere voluto intitolare il polo di chirurgia pediatrica del Vito Fazzi di Lecce al Dottore Sergio Rini, che è stato fondatore e direttore di Casarano. E’ il giusto riconoscimento alla memoria di un grande professionista, e indirettamente al reparto di eccellenza di Casarano, da lui fondato, che in questo modo sono diventati patrimonio di tutta la sanità pugliese.  

Partendo dalla considerazione che le esigenze di razionalizzazione e di efficientamento della spesa sono un dato imprescindibile sul quale siamo tutti d’accordo, e senza nulla togliere all’Ospedale di Gallipoli, colgo questa occasione Signor Presidente per fare appello alla Sua sensibilità e elle Sue capacità, fiducioso nella possibilità di poter riprendere il ragionamento intrapreso con la stesura della bozza di protocollo per un ospedale di primo livello Casarano-Gallipoli.

La invito a Casarano, sarei ben lieto di poterLa ospitare in Città in occasione della posa della prima pietra per l’inizio dei lavori della quarta torre dell’Ospedale.      

 

Casarano, 04.06.2018

Il Sindaco
Dott. Gianni Stefano  

1,877 Visite totali, 3 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login