Noi con l’Italia: “L’Amministrazione ha difeso la posizione del Comune in ogni sede e si è attivata per recuperare le somme dovute dagli altri comuni consorziati”

Il gruppo Noi con l'Italia respinge al mittente le accuse al sindaco lanciato da Mauro Memmi e Umberto Totaro

Noi con l’Italia: “L’Amministrazione ha difeso la posizione del Comune in ogni sede e si è attivata per recuperare le somme dovute dagli altri comuni consorziati”

Apprendiamo da un post di Facebook un isterico comunicato dei consiglieri della lista “Orgoglio Casarano”.
Il nervosismo che caratterizza le accuse strumentali rivolte al Sindaco è l’emblema di un modo di concepire il ruolo di opposizione finalizzato ad infliggere affondi verbali e mai a fare proposte. Una politica “scomposta” e “urlata” che si è contraddistinta per il pressappochismo e la superficialità di un gruppo di minoranza privo di idee e di contenuti, i cui ingredienti sono la polemica sterile, faziosa e fine a se stessa, mai svolta nel reale interesse della comunità e dei cittadini.
E’ davvero un atto di coraggio che i Consiglieri Comunali chiedano con un post spiegazioni al Sindaco su un argomento discusso in Consiglio!
La verità che i cittadini devono conoscere è che mentre se ne discuteva in modo assolutamente trasparente in Consiglio Comunale, essi preferivano assentarsi e non assumersi la responsabilità di partecipare alla discussione, di approfondire ed avere spiegazioni sul riequilibrio di bilancio alla presenza dei revisori e della responsabile finanziaria dell’ente, e di votare nel merito la proposta di delibera.
Quale luogo migliore, se non il Consiglio Comunale per ricevere notizie dal Sindaco, dall’Assessore e dalla Responsabile?
Ma i consiglieri Memmi e Totaro oggi strumentalmente accusano di omertà il Sindaco.
Omertà è fare finta di non sapere!
Fare finta di non sapere che quei 180 mila euro sono un debito contratto negli anni precedenti alle amministrazioni Stefàno da un consorzio di comuni (Area Sistema) dichiarato fallito.
È omertà far finta di non sapere che le
Amministrazioni Stefàno hanno difeso la posizione giuridica del Comune di Casarano in ogni sede e si sono attivate per recuperare le somme dovute dagli altri comuni consorziati.
Bene avrebbero fatto i Consiglieri Memmi e Totaro a chiedere notizie utilizzando il diritto pubblico funzionalizzato che detengono, partecipando ai lavori consiliari, quale dovere politico-amministrativo di chi rappresenta i cittadini, e chiedendo gli atti agli uffici, che ogni giorno rendono l’attività amministrativa aperta, trasparente e accessibile a tutti.
Alla luce dei fatti, le dichiarazioni fatte sono solo illazioni, teoremi ispirati dal pregiudizio, nel tentativo disperato di ingannare i cittadini e di screditare un Sindaco che non si è mai sottratto al confronto politico, alle interrogazioni e alle spiegazioni di ogni atto e di ogni sua posizione.
Al gruppo “Orgoglio Casarano” auguriamo una politica, seppur nella diversità dei ruoli e di vedute, fatta di confronto leale sui contenuti e sulle proposte che possano rispondere ai bisogni dei cittadini, e auspichiamo che si abbandoni la medievale e anacronistica abitudine di cavalcare l’onda della strumentalizzazione politica.

Gruppo politico 
Noi Con l’Italia Casarano

1,650 Visite totali, 3 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login