Dal 15 gennaio anche il reparto di Nefrologia e Dialisi sarà disattivato. Mario Riso scrive al presidente Emiliano

"Casarano non ci sta ad essere ulteriormente depredata"

Dal 15 gennaio anche il reparto di Nefrologia e Dialisi sarà disattivato. Mario Riso scrive al presidente Emiliano

CASARANO – Lettera aperta al Presidente della Regione Puglia Michele EMILIANO
all’Assessore allo Sviluppo Economico Cosimo BORRACCINO
ai Consiglieri Regionali eletti nel Salento
al Direttore Sanitario
al Direttore Amministrativo
ASL LECCE

Non si sarebbe potuto aspettare il Direttore Generale?
Grazie Direttori per averci fatto trascorrere il Santo Natale senza queste brutte notizie.
Capisco che ogni sottoposto deve necessariamente ottemperare alle disposizioni del suo preposto, nella fattispecie i Direttori della ASL devono essere osservanti di quanto il Presidente della Regione Puglia “Loro datore di lavoro” ha disposto, ma che questo debba essere consumato e proposto come un istigare la povera gente Cittadina di Casarano, che ha già dato tanto, che ha già tanto sofferto, per tutte le prestazioni sanitarie sottratte, mi sembra un pochino troppo.
Si sarebbe potuto aspettare tranquillamente l’anno nuovo, il 2019 e quindi adottare le procedure di CHIUSURA dell’ultima roccaforte specialistica dell’Ospedale F.FERRARI. Perché ill/mi Direttori, Presidente e Assessore di questo si tratta e non nascondiamoci dietro il paravento dei 4 posti letto tecnici da allestire nell’Unità Operativa di Medicina è solo un PALLIATIVO. State portando via da Casarano il primo reparto di Nefrologia attivato in provincia di Lecce, state portando via da Casarano la “storia” per la quale l’Ospedale di Casarano nel lontano 1968 era nato, vale a dire quel reparto di diagnosi e cura dei pazienti nefropatici tanto voluto dal Senatore F. FERRARI e dal Prof. Achille BENEGIAMO che unitamente al dr. Alberto DE NIGRIS e al Dr. Antonio GRASSO attivarono insieme alla DIALISI, ed è stato il fiore all’occhiello del F. FERRARI e di tutto il SALENTO.
Ma le nostra grida di dolore possibile che non vengano ascoltate da nessuno e si perdono nell’aria con il vento? Possibile che nessuno se ne stia rendendo conto che si sta smantellando una struttura sanitaria efficientissima che produce sanità vera, che produce salute per la gente?
Ma quei personaggi che per l’Ospedale di Casarano si sono prodigati fino ad oggi (a parole) non potrebbero passare ai fatti? Cosa aspettano che portino via l’ultimo elemento di quel’Ospedale già di 1° livello e che lo si attrezzi così come qualcuno velatamente (ma non troppo velato) sta proclamando da tempo “OSPEDALE DI BASE” per Casarano? e con questa classificazione continuerà ad erogare servizi sanitari? Credo, signor Presidente che siamo arrivati ad un punto del vostro Piano di Riordino Ospedaliero in particolar modo quello attivato in provincia di Lecce che bisogna fare un bilancio “quali quantitativo” di tutti i Presidi Ospedalieri del Salento.
Fate prevalere il buon senso. Osservate bene le carte non c’è bisogna di rivolgersi ad agenzie specializzate, basta dare un’occhiata al sistema “EDOTTO” che è in uso nella nostra ASL.
Buon anno a tutti. Il mio augurio è quello di ponderare bene la situazione sanitaria in provincia di Lecce e di non tirare troppo la corda……… i cittadini sono stanchi e delusi e dalla prossima settimana ci si sta organizzando per attivare una grande manifestazione non solo per il 50° anniversario dell’Ospedale F. FERRARI, ma soprattutto per discutere del suo futuro, con la presenza di prestigiose personalità.

Mario Riso
UIL FPL

 1,866 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login