Comitato Pro Ferrari: “Un incontro urgente per sbloccare i lavori della IV torre”

"Continuiamo il nostro impegno per promuovere la sanità nel Salento ed in particolare il riconoscimento del ruolo che compete al Presidio ospedaliero “Ferrari"

Comitato Pro Ferrari: “Un incontro urgente per sbloccare i lavori della IV torre”

Al direttore amministrativo Antonio Pastore e al direttore sanitario Rodolfo Rollo

E p.c. Dott.ssa Gabriella Cretì
Direttore Sanitario P.O. Ferrari Casarano

Il comitato civico Pro Ospedale Ferrari di Casarano, nello svolgimento del suo ruolo di promozione della democrazia diretta e di portavoce delle istanze dei cittadini, continua il suo impegno per ricercare in ogni modo di offrire una sanità di eccellenza, con attenzione alle fasce più deboli della popolazione che spesso hanno meno voce.

Continua il suo impegno per promuovere la sanità nel Salento ed in particolare il riconoscimento del ruolo che compete al Presidio ospedaliero “Ferrari”.

Ribadisce la ferma volontà di un confronto sereno con i presidi ospedalieri dei territori vicini, in particolare con l’ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli.

Si fa portavoce presso gli enti preposti delle istanze, dei bisogni dei cittadini e di tutti gli operatori sanitari.

Tutto questo premesso sentiamo di fare nostro il grande disagio dei slaentini riguardo le prestazioni sanitarie erogate nel nostro territorio. In questi giorni le organizzazioni sindacali hanno denunciato varie situazioni prossime al collasso, in particolare per i nosocomi di Scorrano e Gallipoli, classificati nel famigerato piano di riordino ospedaliero, come ospedali di primo livello.

Denunciamo il grave fenomeno dell’extra locazione in reparti diversi considerando così i pazienti come dei pacchi dono da allocare dove c’è posto e non invece persone con problematiche a volte anche molto gravi.

Basterebbe questo per affermare che ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza della sanità salentina.

Il presidente Claudio Casciaro e l’intero comitato ritengono non più tollerabile la situazione di incertezza in cui è posto il presidio Francesco Ferrari, facendosi portavoce del sentire di tanti cittadini stanchi di questa situazione, ed altresì allarmati da alcune voci ricorrenti di ulteriori chiusure di alcuni reparti, che porterebbe ad un ulteriore aggravamento della precaria e delicata situazione della sanità provinciale.

Il comitato denuncia con forza l’interruzione da circa tre mesi dei lavori avviati per la costruzione della quarta torre.

Non sono più tollerabili capricci di alcuni tecnici ed operatori sanitari che non rispettano l’importanza di un’opera pubblica, ignorando le gravi conseguenze che comportamenti egoistici producono.

Chiediamo ulteriori chiarimenti circa il destino dei centri di diabetologia di Casarano e Lecce, riferimenti importanti per tanti pazienti del nostri territorio.

Vogliamo ribadire con forza il lavoro di confronto e mediazione svolto dal comitato,ricordando che durante la cerimonia di inaugurazione dei lavori del IV lotto, apprezzavamo l’avvio di un nuovo corso, nei rapporti non sempre sereni, tra l’ente Regione, il comune capofila e i cittadini del comprensorio.

Facciamo nostri il forte disagio e gli appelli inascoltati di tutti gli operatori sanitari, riteniamo che non è più sostenibile un carico di lavoro che umanamente, psicologicamente e professionalmente non può più assicurare prestazioni sanitarie dignitose.

Riteniamo infine come portavoce degli interessi generali dei cittadini, con particolare riferimento al diritto costituzionale alla salute, in uno spirito di collaborazione e di sereno confronto che però deve essere reciproco, di chiedere un incontro urgente con il dottor Antonio Pastore, Direttore Amministrativo ASL, ed il dottor Rodolfo Rollo, Direttore Sanitario Asl, per affrontare insieme le gravi problematiche della sanità salentina in generale e la situazione del presidio ospedaliero “Francesco Ferrrari”, chiamato a dare risposte ad uno dei comprensori più popolosi della Provincia.

Chiediamo altresì di attivare con urgenza un tavolo di confronto con la ditta appaltatrice dei lavori della quarta torre, per superare qualsiasi motivi ostativo vero o presunto, per la ripresa dei lavori.

Restando in attesa di un ostro riscontro, porgiamo distinti saluti.

Casarano, 21 febbraio 2019.

Il Presidente
Dott. Claudio Casciaro

 1,040 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login