“Grave carenza di personale infermieristico e di operatori socio sanitari e mancanza di attrezzature medicali”. Mario Riso scrive alla Asl

"Casarano non starà a guardare, ha subito troppo, adesso vuole indietro il maltolto!"

“Grave carenza di personale infermieristico e di operatori socio sanitari e mancanza di attrezzature medicali”. Mario Riso scrive alla Asl

Casarano 30 aprile 2019.

Al Commissario Straordinario Dott. Rodolfo ROLLO ASL LE
Al Direttore Amministrativo Dott. Antonio PASTORE ASL LE

E   p.c. al Direttore Medico Dr.ssa Gabriella CRETI’ P.O. Casarano ASL LE

Oggetto:  Grave  carenza Personale Infermieristico e Operatori Socio Sanitari. Mancanza attrezzature medicali “obsolete” amplificatore di Brillanza. Ospedale F. Ferrari Casarano

L’OSPEDALE F. FERRARI CASARANO NON DEVE ESSERE DECLASSATO, ANZI DEVE ESSERE POTENZIATO!

La scrivente Organizzazione Sindacale per l’ennesima volta, ricevendo continue segnalazioni da parte degli Utenti e  del personale infermieristico e medico, verificata “DE VISU” la carenza strutturale di organico presente all’interno di tutte le UU.OO. del Presidio Ospedaliero “Ferrari” di Casarano, intende evidenziare l’impossibilità, da parte del personale medico, infermieristico, a garantire non solo un’adeguata assistenza a tutti i pazienti che ne necessitano, ma addirittura a garantire i LEA.

E’ già stata segnalata dalla scrivente più volte la presenza di un forte squilibrio, fra carichi di lavoro e insufficiente personale infermieristico e operatori socio sanitari,  ma a tutt’oggi la questione rimane irrisolta. A chi interessa che il Presidio ospedaliero “F. Ferrari” chiuda e non eroghi più le sue eccellenti prestazioni sanitarie? Non certo alla povera gente che giornalmente chiede assistenza sanitaria.

Aggiungiamo, la grave carenza di personale di supporto (Operatori Socio Sanitari) alle quali incombenze fanno fronte l’esiguo numero di ausiliari (ormai quasi estinti) e quasi sempre gli infermieri, i quali vengono costantemente distolti dalle attività proprie della professione (assistenza sanitaria) oltre che chiaramente dequalificati.

Nonostante l’ASL LE abbia acquistato servizi di ausiliariato dalla società in house Sanitaservice, di fatto l’Ausiliariato non viene erogato in tutte le Unità Operative da parte del personale di Sanitaservice, in quanto anche questo personale nell’Ospedale di Casarano è carente sia per le pulizie che per l’ausiliariato, mancano 21 unità per garantire il minimale e quindi fanno aumentare in maniera estremamente pericolosa il carico di lavoro (già di per sé elevato) al personale Infermieristico.

Le attrezzature, ormai obsolete in dotazione all’Ospedale di Casarano, portano a improvvise interruzioni di alcuni servizi, vedi la rottura dell’Amplificatore di Brillanza strumento necessario per alcuni interventi chirurgici,  la quale rottura ha determinato di recente il quasi blocco dell’attività di Sala Operatoria in particolar modo per la Cardiologia, strumento necessario per il posizionamento dei pacemaker.

A pensar male si fa peccato, ma molto spesso ci si azzecca! Qualcuno vuole approfittare della momentanea mancata attività operatoria della Cardiologia dovuta appunto alla rottura dell’obsoleto Amplificatore di Brillanza per trovare l’escamotage e chiudere o alleggerire di attività e posti letto il reparto di Cardiologia? Casarano non starà a guardare, ha subito troppo, adesso vuole indietro il maltolto!

Un suggerimento vorremmo dare al Commissario dr. Rollo, nel frattempo di aggiudicare e/o riparare l’amplificatore di Brillanza di Casarano, perché non prenderne in prestito uno dei due Amplificatori di Brillanza in dotazione all’Ospedale di Galatina e far lavorare Casarano?

Le responsabilità per eventuali danni sofferti dagli Utenti saranno rimandate a codesta Amministrazione perché disattesi gli obblighi di protezione e sicurezza insiti nel contratto di spedalità .

Ribadendo quindi che in tutte le Unità Operative del Presidio Ospedaliero di Casarano, il rapporto Infermieri pazienti è al di sotto dei livelli essenziali di assistenza, invitiamo le SS. LL. a provvedere al ripristino immediato della minima dotazione organica, con l’invio almeno di 20 Infermieri e di 25 Operatori Socio Sanitari e di attivarsi con urgenza a dotare l’Ospedale di Casarano di attrezzature medicali come ad esempio gli Amplificatori di Brillanza.

Confermiamo inoltre che tale carenza rende difficoltoso ai Lavoratori Infermieri ed al personale di supporto il legittimo godimento dei diritti contrattualmente definiti come il diritto alle ferie ed i riposi compensativi dopo i turni notturni, negando il recupero psico-fisico prescritto.

In attesa di un celere riscontro, e nella volontà di prevenire episodi che possano pregiudicare il mandato professionale degli Infermieri e del personale di supporto, chiediamo sollecita  risoluzione della questione con l’integrazione del Personale mancante, in arrivo tra l’altro della stagione estiva che aggraverebbe la situazione dovuta al fruire delle ferie dei Lavoratori.

Onde evitare inutili e costosi conflitti sindacali, sotto tutti i punti di vista, chiediamo che venga risolta con estrema urgenza, ed in modo esaustivo questa gravissima situazione di carenza di personale e di attrezzature dell’Ospedale di Casarano, prima ancora che le pagine di cronaca delle testate giornalistiche possano riportare fatti gravissimi riferiti all’Ospedale F. Ferrari.

Si coglie l’occasione per inviare Distinti saluti.

L’Ospedale F. FERRARI Casarano non deve essere declassato anzi deve essere potenziato!

Il Responsabile Dipartimento Contrattazione

F.to Mario  RISO

 7,369 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login