Impastato: “La bellezza contro la rassegnazione. Educhiamo la gente alla bellezza!”

In ricordo di Peppino Impastato, barbaramente ucciso dalla mafia 41 anni fa, il 9 maggio 1978.

Impastato: “La bellezza contro la rassegnazione. Educhiamo la gente alla bellezza!”

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un’arma contro la rassegnazione, la paura e l’omertà. All’esistenza di orrendi palazzi sorti all’improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l’abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore.
Peppino Impastato

Queste sono le parole di Peppino Impastato vittima di mafia. “Bisogna educare la gente alla bellezza”, noi che amiamo il nostro paese, il nostro Salento, difendiamolo coltivando il gusto per il bello e per l’arte, non rassegniamoci alle brutture che ci circondano, comprendiamo invece che questa è la nostra unica ricchezza.

Cinzia De Rocco

432 Visite totali, 6 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login