Eugenio, l’infermiere del web animato dalla voglia di prendersi cura della collettività

A 4 anni dalla prematura scomparsa di Eugenio Memmi, il figlio Francesco lo ricorda così

Eugenio, l’infermiere del web animato dalla voglia di prendersi cura della collettività

Quest’anno sono 4 anni che Eugenio ci guarda dal cielo.
Mi sento un figlio fortunato. Mio padre era una persona sopratutto gentile:un grande cuore verso il prossimo. Non cercava né gloria né riconoscimenti, era spinto esclusivamente dal suo altruismo, nella sua personale ricerca del bene. I suoi 25 anni di attività infermieristica hanno, secondo me, fatto nascere in lui questa grande voglia di prendersi cura della collettività, quel codice deontologico che tanto parla di diritti fondamentali dell’uomo, di principi etici, parla anche di impegnarsi per risolvere qualsiasi contrasto attraverso il dialogo. Ecco perchè nel 2000 Casarano finisce nel mondo del web:TuttoCasarano, lo spazio web a disposizione dei cittadini. Papà era un infermiere del web, che provava a dare voce indipendentemente dallo stato sociale di una persona, dalla sua età, dalle idee politiche. Il suo obiettivo era curare e assistere la comunità, cercando di dare quel contributo per costruire una città migliore, un professionista della salute a cui ogni cittadino poteva rivolgersi attraverso un rapporto diretto, senza mediazioni. Bastava una parola, una mail, una segnalazione.
In virtù del principio dell’aggiornamento costante che ha come figura professionale l’infermiere, beh di aggiornamenti di 12 anni in TuttoCasarano ce ne sono stati tanti: dal tavolo di casa al cellulare, dall’ospedale, anche quando era ricoverato per qualche controllo. Il suo spirito di servizio verso la diffusione della cultura e di adoperarsi affinché la collettività potesse disporre di tutte le informazioni necessarie relative ad un argomento, era la sua più grande soddisfazione.

Francesco Memmi

933 Visite totali, 6 visite odierne

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login