Ambiente e cultura i settori con le maggiori criticità. I risultati del sondaggio su Casarano condotto da StoriaFutura

Il sondaggio on-line è stato compilato da un campione di 500 cittadini casaranesi

Ambiente e cultura i settori con le maggiori criticità. I risultati del sondaggio su Casarano condotto da StoriaFutura

Dopo le iniziative sulla disciplina delle “Reti d’impresa”, la legge 3/2012 e le norme sulla “Crisi da sovaindebitamento”, per continuare con  “La riforma del terzo settore” e la legge sul “dopo di noi” e da ultimo un corso di formazione politica in video conferenza con i circoli “Dossetti” di Milano, l’Associazione StoriaFutura di Casarano ha presentato i risultati del sondaggio on-line, che nei mesi scorsi è stato compilato da un campione di 500 cittadini casaranesi, i quali hanno espresso le proprie impressioni  e la percezione circa gli aspetti più importanti del nostro vivere quotidiano nella città.

“Siamo in un epoca intrisa di qualunquismi e suggestioni di ogni genere, che hanno usurpato il primato dello studio, della elaborazione, dell’approfondimento”. Con queste parole il Prof. Antonio Maggio, ha avviato i lavori dell’incontro di presentazione dei risultati del  sondaggio che, attraverso l’illustrazione dei grafici statistici finali, ha toccato ben 10 sezioni di approfondimento.

AMBIENTE, CULTURA, VIABILITA’, LEGALITA’, ISTRUZIONE, PERIFERIE, TEMPO LIBERO, VOLONTARIATO rappresentano una gran parte del ns vivere quotidiano.

Obbiettivo del sondaggio è quello di ripartire dal vivere quotidiano, dalle difficoltà di vita di tutti i giorni, di una famiglia o di un giovane o un anziano, e dalle aspettative che si hanno verso una organizzazione cittadina quale è la Polis. Stiamo ragionando del  luogo in cui abbiamo deciso di vivere” ha sottolineato Gabriele Caputo, fondaore di StoriaFutura, spiegando che il sondaggio è solo la prima parte di un lavoro più ampio che seguirà.

 “Stiamo provando a scandagliare nel sentire comune, per farci poi parte attiva di un impegno, che deve essere corale, finalizzato a migliorare la ns condizione, come città, come rapporti sociali, come vivere collettivo”. “Siamo convinti che l’ascolto prima, e poi lo studio e la proposta finale devono ritornare ad essere il giusto metodo di confronto e programmazione di una Polis. Non l’improvvisazione, non il qualunquismo non il populismo non le fake news”.

Tra i temi più sentiti dai cittadini “L’ambiente” e “La Cultura” hanno registrato il maggior numero di criticità evidenziate, oltre all’espressione di pensiero sul ruolo delle istituzioni del territorio.

A seguire anche “Viabilità” e soprattutto le “Periferie” alle quali, il sondaggio ha dato ampio spazio, rilevando singolarmente le criticità delle 13 zone periferiche individuate, (da c.da “Botte” a “Pietra Bianca” passando per la “Pineta” la “Campana”, “Specchia di Vaie” ed altre ancora).

Tra i dati maggiormente significativi il 90,9% degli intervistati ha confermato di non utilizzare i mezzi pubblici per i propri spostamenti, mentre il 76,3% ha indicato quale meta frequente, il “centro storico”.

Questi ultimi dati, ritenuti eccezionali, hanno indotto StoriaFutura a non fermare il lavoro avviato. Nelle prossime settimane infatti è stato preannunciato l’avvio di una nuova iniziativa che in modo mirato, approfondirà alcuni tematiche proprio relative al “centro storico”.

Tutti i dati ed i grafici elaborati dalla piattaforma “google” , saranno definitivamente pubblicati nei prossimi giorni, resi disponibili a tutti i cittadini.

“L’auspicio” ha ribadito Gabriele Caputo “è che anche le forze politiche, istituzioni, associazioni e parti sociali approfondiscano i temi segnalati dai cittadini e si rendano parte attiva per la crescita della città”.

Associazione StoriaFutura

 1,377 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login