Mario Riso: “La gente deve sapere cosa succede al Ferrari”

"Non sarà che la grave carenza di medici sia un tentativo di destabilizzare e affossare l'ospedale di Casarano, nonostante le performance migliori della provincia?"

Mario Riso: “La gente deve sapere cosa succede al Ferrari”

Presidente della Regione Puglia Michele EMILIANO, è doveroso che lei sappia, che i Pugliesi sappiano, che la Gente del Salento e in particolar modo l’Utenza afferente all’Ospedale FERRARI di Casarano sappia.
Capiamo e ormai siamo abituati ai viaggi della speranza per malattie più o meno complesse e gravi, ma che per un’APPENDICITE bisogna andare da Casarano e/o comuni limitrofi fino al V. Fazzi di Lecce è… “inconcepibile”.

E sì caro Presidente, perché è di tutta evidenza che Lei non è stato messo nella condizione di sapere che nonostante la denucia-richiesta fatta giorni addietro dalle segreterie provinciali delle Organizzazioni Sindacali, della UIL FPL e CISL FP, al Direttore Generale della ASL di Lecce dott. Rodolfo ROLLO e inviata per conoscenza al Presidente della Regione Puglia, della grave carenza di personale medico nelle Unità Operative di Chirurgia Generale, Ortopedia, Neurologia e Anestesia e Rianimazione, nulla o quasi nulla è stato fatto. Carenza per la quale, circa 15 giorni addietro il Direttore della Unità Operativa di Chirurgia, fù costretto ad attivare il blocco dei ricoveri, con tutte le conseguenze che ne possano derivare per l’utenza. A seguito di tale richiesta non solo non si e provveduto a risolvere il problema in modo esaustivo, “anche se provvisoriamente fù inviata una sola unità”, ma ne tanto meno la Direzione Generale ha inteso rispondere alla nostra richiesta “che poi era una richiesta lanciata dal grido d’allarme di una intera comunità”.
Nel frattempo l’invio di una sola unità di Chirurgo tamponò provvisoriamente la carenza che si era venuta a creare, carenza, che è ricomparsa con la malattia dello stesso e che ha ricostretto il Direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale a riproporre il blocco dei ricoveri. (tutt’ora operante)
Quindi, l’Utenza dell’Ospedale di Casarano anche per una semplice APPENDICITE è costretta ad andare in altro Ospedale, a volte fino al V.Fazzi di LECCE, tenendo conto che negli Ospedali viciniori quasi sempre c’è il blocco dei ricoveri, non per mancanza di ChirurghI, ma di posti letto.

Bisogna tenere conto che se l’Ospedale F. FERRARI di CASARANO MANTIENE e AUMENTA le sue prestazioni, i dati statistici lo hanno ampiamente dimostrato, nonostante la grave carenza di organico in particolar modo dei medici:
in CHIRURGIA, in ORTOPEDIA, in NEUROLOGIA e in ANESTESIA E RIANIMAZIONE;
Ciò è dovuto non solo alla qualità delle sue prestazioni effettuate da specialisti eccellenti, non solo per la sua “cultura ospedale” ma anche perché messo in una condizione geograficamente baricentrica nel centro-basso Salento che risponde all’esigenze della stragrande maggioranza dell’Utenza Salentina.

Chiediamo al PRESIDENTE Michele EMILIANO e al DIRETTORE GENERALE Rodolfo ROLLO, il perdurare di questa GRAVE “carenza” di personale medico, nell’Ospedale F. FERRARI di CASARANO, nelle Unità Operative di CHIRURGIA (6 chirurghi), ORTOPEDIA (4 ortopedici), NEUROLOGIA (6 neurologi) e l’ANESTESIA e RIANIMAZIONE quest’ultima già carente, si è ulteriormente aggravata in questi ultimi giorni con l’allontanamento di 3 unità di Anestesisti-Rianimatori, per avanzamento di carriera, pensionamenti e malattia, NON SARA’ QUESTO UN TENTATIVO DI DESTABILIZZARE E AFFOSSARE L’OSPEDALE DI CASARANO E CON ESSO IL TREND DELL’OPERATO DEI TANTI ILLUSTRI SPECIALISTI MEDICI E NON, CHE UNITAMENTE A TUTTO IL PERSONALE DEL F.FERRARI, TUTTI I GIORNI SI PRODIGANO PER FARE SOLTANTO GLI INTERESSI E VENIRE INCONTRO AI BISOGNI SANITARI DELLA GENTE!?!? E i risultati sono sotto gli occhi di tutti !!!!
NOI NON CI STIAMO A GIOCARE AL MASSACRO CON LA SALUTE DEI CITTADINI CASARANESI E QUELLA DELLA GENTE DEI COMUNI AFFERENTI ALL’OSPEDALE F. FERRARI DI CASARANO.

Casarano 6 gennaio 2020
Mario Riso

 1,713 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login