Articolo Uno: “L’ospedale di Casarano vedrà riconosciuti i meriti e le prerogative che gli competono”

"Dall'incontro con il ministro alla salute Roberto Speranza e con i tecnici del ministero importanti segnali in direzione degli Ospedali Riuniti Casarano-Gallipoli"

Articolo Uno: “L’ospedale di Casarano vedrà riconosciuti i meriti e le prerogative che gli competono”

La classificazione “di base” dell’Ospedale F. Ferrari di Casarano nell’ambito del Piano di Riordino Ospedaliero della Regione Puglia, continua a tenere alta la tensione tra le forze politiche, con un costante rimpallo di responsabilità e/o suggestionanti obbiettivi raggiunti.

Il coordinamento cittadino di Art.1, finora volutamente fuori dalla ribalta mediatica, ritenendo di dover fare la propria parte su un tema che è patrimonio comune non solo della città di Casarano, ma anche dei territori vicini, ha promosso, grazie all’interessamento del proprio consigliere regionale Ernesto Abaterusso, un incontro, – tenutosi a Lecce il 23 novembre scorso – con il ministro della Salute Roberto Speranza.

Per il rispetto dei ruoli e del lavoro fin ora svolto sul territorio, all’incontro, tra gli altri, erano presenti il presidente del Comitato Pro-Ferrari, Claudio Casciaro ed  il segretario cittadino del PD Gabriele Caputo che, ha avuto, nel corso degli anni, numerose interlocuzioni con ASL e Regione Puglia.

Il Ministro, dopo alcuni sommari approfondimenti, ha voluto convocare gli intervenuti per un tavolo di confronto con i tecnici del ministero, al fine di meglio valutare la reale fattibilità di una proposta come quella degli “Ospedali Riuniti”; l’incontro si è tenuto regolarmente il 10 dicembre u.s. presso il Ministero della Salute, a Roma.

Durante le fasi di confronto con il Ministro e successivamente con i suoi tecnici, Gabriele Caputo ha illustrato dati statistici e circostanze che ruotano attorno alla questione, richiamando anche alcuni suoi personali interventi (sin dal 2011), anche da consigliere provinciale, a favore delle performance ed attitudini del nosocomio di Casarano rispetto ad altri ospedali della zona; il tutto nella prospettiva di meglio consolidare l’offerta sanitaria non solo nell’immediato, ma anche nel lungo periodo.

Il 10 dicembre a Roma, pertanto, è stato illustrato e ribadito che (dati ante riordino ospedaliero) nell’area Sud della provincia, l’ospedale di Casarano registra il maggior numero di accessi annui e risulta essere la struttura con il minor scostamento costi/ricavi rispetto agli altri Ospedali della zona che, invece, dimostrano una scarsa propensione a recuperare agevolmente livelli ottimali di incidenza della spesa.

Nel corso dell’incontro è stato altresì evidenziato come a fine 2019, il trend del F. Ferrari, malgrado i tagli progressivi posti in essere a causa del riordino, registra  ancora una proiezione che si attesta oltre i 26.000 accessi di pronto soccorso, riducendo di poco rispetto al dato ante riordino.

Quanto sostenuto dalla delegazione Casaranese ha trovato nei giorni scorsi conferma negli ultimi  dati ufficiali pubblicati dall’ASL di Lecce che evidenzia come, il F. Ferrari di Casarano è l’unico ospedale a centrare gli obbiettivi imposti dalla legge di stabilità del 2016 la quale impone che gli ospedali “vanno in piano di rientro” se registrano uno scostamento tra COSTI e RICAVI superiore al 10% dei ricavi oppure superiore a 10 mln/€.

CASARANO Copertino FAZZI Galatina Gallipoli Scorrano
RICAVI  39.574.240,05 24.263.230,10 136.004.888,39  29.929.109,32  32.137.539,79 34.117.145,19
COSTI 43.631.061,63 33.804.125,71 159.954.934,58 39.758.781,81 39.921.278,67 41.207.439,17
Margine – 4.056.821,58 – 9.540.895,61 – 23.950.046,19 – 9.829.672,49 – 7.783.738,88 – 7.090.293,98
% su ricavi – 10,25 – 39,32 – 17,61 – 32,84 – 24,22 – 20,78

I dati dell’ASL in particolare confermano l’attitudine virtuosa dell’ospedale di Casarano che, nonostante il depotenziamento progressivo attuato, risulta ancora il 2° ospedale pubblico della provincia in termini di fatturato (dopo il Vito Fazzi di Lecce) e di fatto l’unico ad attestarsi sulla soglia richiesta del 10% massimo di scostamento.

Abbiamo la fondata speranza, anche alla luce delle volontà manifestate da regione Puglia e ministero della salute, che nelle prossime settimane si potrà addivenire ai risultati sperati, quindi rimane attivo l’impegno delle forze politiche cittadine del centro sinistra e del consigliere Ernesto Abaterusso perché il dialogo tra Regione Puglia e Ministero della Salute possa riconoscere all’ospedale di Casarano i meriti e le prerogative che gli competono.

Coordinamento Art. 1 – Casarano

 3,354 total views,  4 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login