Il sindaco di Taviano, Giuseppe Tanisi, mobilita tutti contro la chiusura dell’Agenzia delle entrate

La chiusura dell'Agenzia delle entrate sarebbe una sciagura per l'intero territorio

Il sindaco di Taviano, Giuseppe Tanisi, mobilita tutti contro la chiusura dell’Agenzia delle entrate

A seguito di una paventata ipotesi di chiusura dell’ ufficio dell’ Agenzia delle Entrate e Riscossione di Casarano, con dislocamento di questa sede distrettuale a Lecce, come già avvenuto per le sedi di Gallipoli e di Maglie, per ragioni di spending review, così come si apprende da note di verbale di una assemblea sindacale tenutasi il 6 febbraio scorso, il sindaco di Taviano Giuseppe Tanisi, peraltro commercialista e professionista della materia, prende posizione contro tale ipotesi che considera una sciagura per l’intero territorio del Sud Salento, e promuove una mobilitazione generale di tutte le istruzioni locali, con una lettera a tutti i sindaci, ai parlamentari salentini, ai consiglieri regionali e al ministro stesso dell’ Economia.

Lettera integrata da una delibera di giunta in cui si dà atto di indirizzo all’ intero Consiglio Comunale a sostegno di tale iniziativa, e nella quale il primo cittadino di Taviano fa notare come, in una Provincia di Lecce che comprende 100 comuni e con una popolazione superiore agli 80.0000 abitanti, e che si estende per circa 2.800 km quadrati con distanza di 100 km tra i comuni più estremi, l’ufficio di Casarano è un servizio che interessa già ben 30 di questi comuni, e pertanto ingenti sarebbero i disagi, non solo per i dipendenti, ma anche per i contribuenti e per i professionisti, qualora tale sede dovesse essere dislocata nel capoluogo di provincia.

“Siamo chiamati, come amministratori e rappresentanti delle istituzioni, ad essere paladini e strenui difensori di così essenziali servizi che, in nome di esigenze di risparmio, non possono tuttavia esserci sottratti” dichiara il sindaco Giuseppe Tanisi che sottolinea ” l’ importanza strategica di questo ufficio, unico presidio in tutto il Sud Salento, e il cui dislocamento porterebbe ad una maggiore distanza delle istituzioni dai cittadini. Pertanto è nostro dovere mobilitarsi con ogni mezzo consentito dalla legge contro un simile e scriteriato provvedimento di chiusura”.

Taviano, 11 Febbraio 2020

 96 total views,  2 views today

Devi registrarti per poter inserire un commento. Login